Il Natale di Don Giovanni Gritti- l’Unità 07.12.09

Il Natale di Don Giovanni Gritti- l’Unità 07.12.09

Dicembre 7, 2009 2001-2010 0

Cito, con riluttanza, l’assessore Abiendi: «Il Natale non è la festa dell’accoglienza, ma della tradizione cristiana, della nostra identità». E vorrei ricordargli le parole del suo parroco, don Giovanni Gritti, che afferma: «La chiesa e la nostra parrocchia in ogni caso sono un luogo di accoglienza dove tutti posso rivolgersi».
Delfo Burroni

Il Natale è uno dei simboli in cui più facilmente ci riconosciamo in tutto l’Occidente. Dal punto di vista religioso perché intorno al bambino che nasce a Nazareth si radunano in preghiera i cattolici e i protestanti, gli ortodossi e gli anglicani. Da un punto di vista più laico perché anche i non credenti tendono a riconoscersi nella festa in cui si celebra la nascita del bambino che si presenta al mondo forte solo dell’affetto di Maria e di Giuseppe. Uno slancio di gioia e di solidarietà proponendo che dà vita ogni anno alla festa straordinaria in cui tutti i poveri e tutti i diseredati del mondo possono essere sentiti per un momento, per una notte, fratelli di quelli che hanno di più. Come bene ci ricorda oggi il parroco di Coccaglio: un parroco che si muove, in assenza di posizioni ufficiali del Vaticano, sulla linea di quei sacerdoti che ebbero il coraggio di difendere, rischiando la vita, gli ebrei perseguitati dai nazisti e dai
fascisti. Sapendo che il suo e il nostro Gesù è un bambino che non ha scelto a caso di nascere nella grotta che dava rifugio a della gente in fuga. Come gli emigrati di oggi.

PDF

About the author

admin:

0 Comments

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Lascia un commento