Liberismo e socialdemocrazia- l’Unità 14.06.09

Liberismo e socialdemocrazia- l’Unità 14.06.09

Giugno 14, 2009 2001-2010 0

La socialdemocrazia è morta come dice Touraine? E lo si vede molto bene nel risultato del voto sia nella versione inglese e nordica, sia in quella francese e, ora anche in quella zapateriana. La sostanziale subalternità al liberismo l´ha portata alla catastrofe. In Inghilterra si misura ora il risultato del blairismo dell´asse Bush-Blair-guerra permanente.
Gaetano Stella

A Sostengono da sempre i socialisti che lo Stato, uno Stato autenticamente democratico del tipo di quello previsto dalla nostra Costituzione, deve essere capace di non lasciarsi travolgere (o guidare) dai poteri forti dell’economia e della finanza. “Meno Stato e più mercato” proclamano, sul lato opposto della barricata, i liberisti ed io credo stia proprio nella facilità con cui troppi leaders socialdemocratici europei si sono lasciati attrarre, nel momento in cui erano arrivati al governo, dalle sirene del liberismo la ragione più importante del declino cui sta andando incontro la socialdemocrazia europea. L’idea che il libero
mercato sia l’anima e la garanzia dello sviluppo non è diffusa oggi solo all’interno delle èlites economiche, nelle burocrazie delle istituzioni europee e nei partiti di destra, ha guadagnato consensi e simpatie anche all’interno di quella che era la sinistra. Socialdemocratici restano paradossalmente solo quei piccoli partiti della sinistra, bollati come “radicali” dai sostenitori del pensiero unico perché si preoccupano ancora del destino dei lavoratori più che dei problemi dell’impresa

PDF

About the author

admin:

0 Comments

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Lascia un commento