Il vero estremismo- l’Unità 16.05.11

Il vero estremismo- l’Unità 16.05.11

Maggio 16, 2011 2011-2020 0

La Moratti, poverina, non comprende che chi l’accusa, fosse pure ingenerosamente, di essere subalterna ai «poteri forti», e di non avere alcuna indipendenza da Berlusconi, esprime, costui sì, un giudizio «politico». Mentre il suo attacco al buon Pisapia altro non è, in concreto, che una calunnia. O sbaglio?

Vincenzo Ortolina

Credo sia difficile non convenire sull’idea per cui l’estremismo è rappresentato in Italia, ormai, soprattutto da Berlusconi. La lotta senza quartiere ai giudici, la violenza con cui si scaglia contro gli avversari politici, la delegittimazione che cerca con la macchina del fango, rovesciato su di loro da Il Giornale, da Libero e da Minzolini (con l’assenso sornione di Ferrara) hanno messo in secondo piano i problemi del Paese: insolubili soprattutto per chi di loro non si occupa più. A quelli che, anche fra i nostri lettori, si lamentano del fatto che a sinistra ci si muove in modo meno violento viene da rispondere che questa forse è oggi davvero la nostra forza. Difendere la democrazia passa anche (o soprattutto) da questa capacità di mantenersi civili. Come Napolitano dal Quirinale, come Bersani dalla segreteria del Pd, come Pisapia, Fassino e tanti altri candidati delle città in cui si vota anche oggi. Per difendere, prima di tutto, la
possibilità di ripristinare una situazione in cui il confronto delle idee e delle proposte sia liberata dagli sproloqui e dalla violenza cieca di un uomo che di confrontarsi con gli altri non è più capace.

PDF

About the author

admin:

0 Comments

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Lascia un commento