Un bisogno inascoltato di democrazia- l’Unità 01.02.11

Un bisogno inascoltato di democrazia- l’Unità 01.02.11

Febbraio 1, 2011 2011-2020 0

Le sponde africane del Mediterraneo stanno letteralmente bruciando sotto la spinta di popolazioni rese disperate dalla fame e dai soprusi di regimi dittatoriali. Io che vivo periodi del mio tempo ad Alessandria
d’Egitto ho visto le enormi disuguaglianze tra ricchissimi nababbi e povera gente (la maggior parte).
Beppe Signani

La rivolta che sta scuotendo la Tunisia e l’Egitto è lo sbocco di una crisi politica dei Paesi arabi in cui delle leadership dittatoriali sono riuscite a consolidarsi con l’aiuto decisivo della diplomazia occidentale. La mancanza di democrazia che ha determinato la miseria di intere popolazioni e la ricchezza spropositata dei loro governanti, è stata messa in secondo piano, infatti, dal modo in cui questi ultimi hanno “collaborato”: facendo finta di frenare l’estremismo islamico e frenando sul serio, intanto, la protesta dei palestinesi. Quando la crisi economica è arrivata anche lì, rendendo insostenibile la vita di intere popolazioni, tuttavia, la rivolta è arrivata, naturale e violenta: mettendo a nudo l’imbroglio e mescolando le istanze di sopravvivenza dei più poveri con il bisogno di cambiamento dei giovani. Quelli che in modo più forte avvertono ed esprimono, scendendo in piazza, la necessità di un cambiamento: di mentalità e di costume, di diritti e di regole. Nel nome di quella democrazia di cui hanno ormai compreso il senso e la possibilità incontrando su internet i loro coetanei dell’occidente.

PDF


About the author

admin:

0 Comments

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Lascia un commento