Quando a impazzire è lo psichiatra-l’Unità 13.11.09

Quando a impazzire è lo psichiatra-l’Unità 13.11.09

Novembre 13, 2009 2001-2010, interventi 0

risponde Luigi Cancrini

La strage avvenuta in una delle più grandi basi militari del Texas è stata perpetrata da uno psichiatra dell’Esercito. È noto che all’interno dell’esercito USA circolano con estrema facilità farmaci psicotropi som- ministrati con superficialità al personale, militare e non. Questi prodot- ti hanno effetti collaterali con comportamenti suicidi ed omicidi.
RISPOSTA L’uso indiscriminato di farmaci antidepressivi è estremamente pericoloso quando la depressione ha una origine post traumatica. L’unico modo serio di affrontare terapeuticamente questi disturbi è quello legato alla elaborazione del lutto. Spingere la persona ad uscire dal guscio in cui tenta di chiudersi con farmaci stimolanti senza tenerne conto porta spesso allo sviluppo di una inquietudine sempre più difficile da capire e da controllare. Si spiega anche così, in letteratura e nella clinica il numero anomalo di suicidi e di atti violenti (soprattutto in ambito familiare ma anche, a volte, fuori di questo) dei reduci da un luogo di guerra vissuto come umiliante e ingiusto da quelli che lo hanno conosciuto senza essere difesi da un minimo di fanatismo paranoico (o patriottico). Vittima di un processo in cui gli affari dell’industria farma- ceutica si intrecciano con quelli dei militari e con l’ignoranza di chi lo ha formato, lo psichiatra che spara all’impazzata contro la gente cui non sa dare aiuto è un simbolo perfetto del vicolo cieco in cui la psichiatria si sta rinchiudendo nel tempo (depressivo) degli antidepressivi.

About the author

admin:

0 Comments

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Lascia un commento