Gli psicoterapeuti e gli psichiatri

Gli psicoterapeuti e gli psichiatri

Agosto 1, 2022 2021 ad oggi, riflessioni 0

Nel momento in cui finalmente lo Stato, stanziando fondi per il bonus psicologi si accorge del fatto che la psicoterapia esiste e che molte persone che stanno male possono trarne vantaggio, quella che non poteva mancare e’ la reazione scomposta degli psichiatri. Se ne e’ fatto interprete con una intervista davvero brutta Paolo Crepet dicendo che quei soldi finiranno nelle mani di persone incapaci ed impreparate,

Sommessamente vorrei ricordargli a questo punto che gli psicologi di cui lui tanto si preoccupa diventano psicoterapeuti in Italia dopo almeno 10 anni di studio pagati da loro, 5 + 1 nell’università e 4, spesso 5 nelle scuole di specializzazione autorizzate e sorvegliate dal Ministero dell’Università e della Ricerca: scuole che assicurano loro una preparazione psicoterapeutica che mediamente è di buon livello e che è comunque molto superiore a quella di cui dispongono gli psichiatri ed i neuropsichiatri infantili abituati ad usare le etichette diagnostiche e gli psicofarmaci invece del sostegno e dell’ascolto.

Crepet che aveva partecipato con tanto autentico entusiasmo alla rivoluzione portata avanti da Franco Basaglia che liberava i pazienti psichiatrici dai vincoli dell’Ospedale Psichiatrico dovrebbe rendersi conto che oggi i pazienti che chiedono aiuto per un disturbo psichiatrico, grave o meno grave, hanno il diritto di essere liberati dagli automatismi delle risposte diagnostiche e farmacologiche proprio con l’aiuto di professionisti della salute mentale scelti da loro stessi e capaci di ascoltarli nella unicità della loro sofferenza attivando le risorse loro e delle loro relazioni significative.

Siamo arrivati di fatto, faticosamente, al tempo in cui una seconda rivoluzione è necessaria nel campo della salute mentale: una rivoluzione che deve essere e sarà, se ci crediamo, di livello psicoterapeutico.

About the author

admin:

0 Comments

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Lascia un commento